Showing all 4 results

  • I misteri del tempo. L’universo dopo Einstein

    Da sempre il problema del tempo è al centro della scienza, della cosmologia e della religione. Einstein ci ha mostrato che il tempo può essere dilatato dalla velocità e dalla gravitazione e non «scorre» in maniera uniforme. Ma soprattutto il tempo deve aver avuto una precisa origine, e dunque, se ha un inizio, può avere una fine. La teoria della relatività non ha comunque risolto l’«enigma del tempo», e l’approfondimento di questa dimensione dell’universo è una priorità della scienza odierna. Dai buchi neri, dove il tempo «si ferma», al bizzarro mondo della fisica quantistica, dove «svanisce», Davies illustra, in modo accessibile a tutti, le domande ancora aperte a cui la ricerca deve rispondere: perché l’universo appare più «giovane» di alcuni oggetti che contiene? Come emerge il concetto di tempo dal caos senza tempo del Big Bang? Il passare del tempo è mera illusione?

  • La fisica dei supereroi

    Quanta forza serve a Superman per raggiungere con un solo balzo il tetto di un grattacielo? Come può Tempesta degli X-Men controllare gli agenti atmosferici? E quanti cheeseburger dovrebbe mangiare Flash per correre a velocità supersonica? In questo sorprendente e brillante saggio scientifico James Kakalios ci mostra che la fisica può svelare non solo il segreto della potenza dell’Uomo d’Acciaio, ma anche la reale causa di distruzione del suo pianeta d’origine, Krypton.
    Spaziando dall’energia alla termodinamica, alla fisica dello stato solido, Kakalios chiarisce come la Donna Invisibile dei Fantastici Quattro possa vedere quando è trasparente e ci insegna che la teoria elettromagnetica riesce a spiegare persino come il Professor X sia in grado di leggere nella mente degli altri…

  • QED. La strana teoria della luce e della materia

    In questo libro, con stupefacente chiarezza, un grande fisico ci spiega come tutto ciò che percepiamo dipenda da accadimenti naturali che violano ogni aspettativa del senso comune. La via scelta è la seguente: guidare, come in un vero tour de force, ogni testa pensante negli impensabili meandri dell’elettrodinamica quantistica (abbreviata nella sigla QED del titolo). Feynman procede dunque mantenendo sempre la spiegazione in stretto contatto con l’esame di varie esperienze fisiche, così da farci entrare, improbabilmente, nella mente dello scienziato che le osserva (e, per certi fenomeni, la prima mente che osservava fu proprio la sua).

  • Storia sentimentale dell’astronomia

    Talete cadde in un pozzo mentre passeggiava guardando la Luna. Tycho Brahe girava con un naso d’oro perché aveva perso quello vero in un duello. Keplero scoprì le leggi del moto dei pianeti, ma faceva oroscopi per campare e salvare dal rogo la madre fattucchiera. Galileo, fondatore della scienza moderna, frequentava case di piacere, ebbe tre figli da un’amante e ormai vecchio scoprì la bellezza di un amore intellettuale. Newton era invidioso e attaccabrighe, fu più alchimista e teologo che scienziato e, come inflessibile direttore della Zecca di Londra, mandò alla forca decine di piccoli falsari. Einstein cancellò dalla sua vita una figlia avuta prima del matrimonio. Hubble, padre del Big Bang, da giovane era un pugile in corsa per il titolo mondiale dei medio­massimi. Piero Bianucci racconta l’avventurosa storia delle scoperte astronomiche intrecciandola, grazie a una scrittura semplice e accattivante, alle straordinarie vite degli uomini che hanno dedicato la loro esistenza all’esplorazione del cielo stellato.